Invia alla redazione

Centralmente è il tuo quotidiano, entra a farne parte!

Invia un articolo, potresti vedere la tua firma pubblicata sul giornale.


12/12/2017
HomePescara ChietiCronaca Pescara ChietiSan Salvo, attimi di bagarre prima del concerto di Roy Paci ed Aretuska

San Salvo, attimi di bagarre prima del concerto di Roy Paci ed Aretuska

Fischi, urla e pochi applausi alla consegna delle targhe nella seconda serata del Progetto Sud Festival

A

ccade nella serata di ieri, 26 agosto, nella località turistica di San Salvo Marina, impegnata già dal giorno 25 nell’impegnativo Progetto Sud Festival, giunto ormai alla IV edizione. Piazza Cristoforo Colombo ed il lungomare di San Salvo, teatro dello “Street Food d’aMare”, si presentavano gremite, e la folla dopo essersi saziata delle delizie culinarie provenienti da diverse regioni d’Italia e dal mondo (erano presenti stand siculi e pugliesi, ma anche spagnoli e venezuelani) a poco a poco è cominciata ad accorrere sotto il palco, in attesa dello spettacolo, che purtroppo non c’è stato. Difatti la “Piccola Underground Orchestra” che avrebbe dovuto aprire la serata musicale non è potuta salire sul palco per problemi tecnici, e nulla è stato detto a proposito, così che gli astanti hanno cominciato a divenire insofferenti, lanciando fischi e commentando con parole poco lusinghiere l’organizzazione dell’evento.

Alle ore 23:10 circa finalmente si vede movimento sul palco, salgono due vallette, accolte dai fischi, che cercano di placare gli animi, ma un ala della folla non demorde, e continua vergognosamente a lanciare fischi ed ingiurie nei confronti degli organizzatori, Antonio Cane, Andrea Di Iorio e Daniele Manzone, saliti anch’essi sul palco. I fischi si attenuano, senza però sparire del tutto e sostituiti dalla mancanza di applausi, durante la consegna delle targhe di ringraziamento alla Polizia Municipale di San Salvo, al Corpo dei Carabinieri, alla Protezione Civile “Valtrigno” ed al Sindaco della città, Tiziana Magnacca, che si è cimentata in un breve ma energico discorso.

Fortunatamente, alla fine di quest’ultimo si è esibito il celebre cantante e trombettista siculo Roy Paci, assieme agli inseparabili Aretuska, che hanno riportato il sorriso e l’energia che la piazza aveva perso nell’attesa delle ore precedenti, e facendo in modo che la serata si concludesse al pari delle altre, nel migliore dei modi.

Antonio Legnini

Nessun Commento

Inserisci un commento