Invia alla redazione

Centralmente è il tuo quotidiano, entra a farne parte!

Invia un articolo, potresti vedere la tua firma pubblicata sul giornale.


05/26/2018
HomePescaraCronaca PescaraPescara, sì della Giunta alla gestione condivisa dei Parchi cittadini

Pescara, sì della Giunta alla gestione condivisa dei Parchi cittadini

Blasioli: “Al più presto il bando per i parchi Calipari, Florida, Baden Powell e Parco dell’Accoglienza di Via Po

La Giunta Comunale riunitasi ieri ha dato il via libera all’affidamento della gestione e manutenzione ordinaria dei parchi Calipari, Florida, Baden Powell e Parco dell’Accoglienza di Via Po mediante gara ad evidenza pubblica nel rispetto delle disposizioni legislative, statutarie e regolamentari vigenti per l’Ente.

Attraverso l’affidamento queste aree saranno sicuramente più fruibili e maggiormente controllate – dice il vice sindaco e assessore al Verde Antonio Blasioli – Accoglienza e sicurezza sono le priorità strategiche legate al rinnovamento della Città e questo binomio si coniuga perfettamente anche alla valorizzazione e alla manutenzione ordinaria delle aree verdi, dei parchi e dei giardini e alla tutela e promozione del verde. Si tratta di un patrimonio grande, in città ci sono 54 parchi e aree verdi, a cui facciamo fronte con risorse umane ed economiche limitatissime ma che non perdiamo di vista: in corso ci sono infatti due appalti che interesseranno la manutenzione di oltre 24 aree verdi e lavori di potature sulle piante di alcuni dei nostri viali. Per questa ragione da tempo stiamo cercando di coinvolgere la comunità in una partecipazione diretta nella gestione della cosa pubblica, affidando l’apertura e chiusura dei parchi, ad esempio, oppure attraverso bandi per l’affidamento dell’intera gestione com’è accaduto per Villa De Riseis e Parco Sabucchi.

E’ un cammino complesso e delicato, ma sta dando dei frutti. Per agevolarlo, grazie al lavoro svolto dall’assessore Laura Di Pietro, attraverso il “Regolamento per la fruizione dei parchi cittadini” abbiamo anche favorito l’allocazione di chioschi e/o box con servizi igienici e quanto serve per svolgervi attività. Si tratta di una vera rivoluzione, che oggi consente a chiunque intenda gestire aree destinate a parchi pubblici di presentare domanda all’Amministrazione Comunale entro i termini fissati con le procedure previste dagli appositi bandi pubblici che regolamenteranno il rilascio della relativa concessione e decidere, insieme, la nuova vita del parco. Questo accadrà per i parchi Calipari, Florida, Baden Powell e per il Parco dell’Accoglienza di Via Po, che rientrano perfettamente nella tipologia prevista dall’articolo 3 del Regolamento.

La gara sarà aperta a: Onlus e no profit, associazioni umanitarie e benefiche, organizzazioni e Associazioni libere. L’affidatario della gestione potrà, a propria cura e spese provvedere ad installare, sulle aree indicate nell’avviso, un chiosco e/o un box con relativi servizi igienici, realizzati secondo i parametri stabiliti dall’Amministrazione Comunale per un massimo di 32 mq e dove sono presenti campi attrezzati per lo svolgimento delle attività sportive, la superficie predetta potrà essere elevata ad ulteriori mq. 32 (trentadue) destinati alla realizzazione di locali spogliatoi. Tali realizzazioni potranno avvenire attraverso la concessione del diritto di superficie per il tempo massimo di 10 anni al termine del quale le strutture realizzate passeranno, a titolo gratuito, al patrimonio dell’Ente che deciderà cosa farne.

Questo percorso ci consentirà di ottimizzare la gestione delle aree, com’è accaduto in quelle che sono già un modello positivo, favorire la custodia e vigilanza ed evitare atti vandalici che si sono registrati in molti parchi, compresi quelli che saranno compresi nel bando, riportando sicurezza e tranquillità per chi vuole frequentarli e anche esprimendo pienamente le potenzialità delle aree, pensando al Parco Baden Powell, l’area è dotata di un campo sportivo polivalente ma ad oggi inattivo.

I tempi saranno piuttosto stretti, gli uffici stanno già lavorando agli avvisi che saranno pronti subito dopo ferragosto sul modello di quelli già effettuati e presto saranno online per raccogliere adesioni che, ci auguriamo, saranno numerose e di qualità. La speranza è quella di poter avere i nuovi soggetti già entro ottobre”.

Nessun Commento

Inserisci un commento