Invia alla redazione

Centralmente è il tuo quotidiano, entra a farne parte!

Invia un articolo, potresti vedere la tua firma pubblicata sul giornale.


01/22/2018
HomeL'AquilaCulturaL’Aquila: i Cantieri dell’Immaginario animano il Convento di Santa Chiara

L’Aquila: i Cantieri dell’Immaginario animano il Convento di Santa Chiara

Per la prima volta uno spettacolo di musica e danza nel chiostro di Santa Chiara. I personaggi di storie fantastiche terranno col fiato sospeso gli spettatori

Uno dei luoghi più suggestivi e caratteristici, da poco restaurato, molto caro agli aquilani è il Convento di Santa Chiara che si trova a ridosso del Borgo Rivera sopra la monumentale Fontana delle 99 Cannelle. Il complesso è di origini molto antiche ed è uno dei più grandi presenti in città e per la prima volta apre le porte ad uno spettacolo.

Nel Chiostro che si affaccia sulla valle dell’Aterno domenica 23 luglio, con inizio alle ore 21,30 la Società Aquilana dei Concerti “B. Barattelli” in collaborazione con il Gruppo E-Motion allestirà per I Cantieri dell’Immaginario uno spettacolo di musica e danza. “Aci, Galatea e Polifemo”, è una serenata, o cantata drammatica di Georg Friedrich Händel, presentata per la prima volta alla corte di Napoli il 19 luglio 1708 con la direzione dello stesso compositore. La storia giunge dalla mitologia greca e in particolare dalle Metamorfosi di Ovidio (libro XIII versi 738-897), del quale ricorre il bimillenario della morte.

La trama è molto semplice: il ciclope Polifemo è infatuato di Galatea, una ninfa semidivina che, a sua volta, è innamorata del pastore Aci. La gelosia di Polifemo è tale da uccidere Aci. Galatea trasformerà il corpo senza vita di Aci in una splendida fontana, simbolo della vita stessa e del loro amore.

Gli interpreti sono: il soprano Claudia Di Carlo (il pastore Aci), il mezzosoprano Agata Bienkowska (la ninfa Galatea) e il baritono Diego Savini (il gigante Polifemo).

All’ensemble Gli Archi del Cherubino è affidata la parte strumentale con la direzione di Simone Ori, maestro concertatore al cembalo. L’esecuzione è presentata in forma innovativa, con l’azione scenica coreografata dal Gruppo E-Motion: i danzatori interpreti protagonisti sono Stefania Bucci e Andrea Di Matteo con la coreografia di Francesca La Cava.

L’ingresso è libero ma, data la caratteristica del luogo, è obbligatoria la prenotazione (0862.24262 [email protected]) e non sarà consentito l’ingresso a spettacolo iniziato.

In caso di maltempo lo spettacolo si svolgerà all’Auditorium del Parco.

Nessun Commento

Inserisci un commento