Invia alla redazione

Centralmente è il tuo quotidiano, entra a farne parte!

Invia un articolo, potresti vedere la tua firma pubblicata sul giornale.


08/19/2018
HomeL'AquilaCronaca L'AquilaL’Aquila, Cooperative Sociali: credito di 5 milioni di euro. Pietrucci sollecita la Giunta.

L’Aquila, Cooperative Sociali: credito di 5 milioni di euro. Pietrucci sollecita la Giunta.

La situazione delle cooperative sociali che operano nella provincia dell’Aquila è disastrosa: i lavoratori, infatti, continuano ad impegnarsi nelle aree interne a favore delle fasce deboli della popolazione, senza ricevere uno stipendio che, in molti casi, è bloccato dal mese di gennaio.

A renderlo noto nei giorni scorsi è stata la FP CGIL e, nella giornata di ieri, la riunione del Tavolo, convocato dal presidente della Commissione Territorio Pierpaolo Pietrucci, a cui hanno partecipato i rappresentanti delle cooperative, degli ambiti territoriali, dell’Ispettorato del Lavoro e della Cgil regionale e provinciale.

È drammatica la situazione delle cooperative sociali che operano in tutta la provincia dell’Aquila – spiega in una nota PietrucciA fronte di ritardi di pagamenti e riduzione dei finanziamenti da parte dello Stato, le cooperative stesse, che operano in ambiti e settori fondamentali come l’assistenza ai disabili e alle persone non autosufficienti, sono arrivate a vantare crediti nei confronti degli ambiti territoriali per circa cinque milioni solo per la provincia dell’Aquila, a causa dei mancati stanziamenti da parte della Regione Abruzzo e dei Comuni“.

Si era provato, nell’ottobre scorso, a risolvere la situazione, con l’approvazione di una Risoluzione da parte del Consiglio Comunale; il provvedimento, però, non ha ottenuto alcun esito.

Considerando la situazione gravissima, il Tavolo ha sollecitato la Giunta nel convocare nelle prossime ore una riunione con le parti sociali e i soggetti coinvolti per arrivare a una soluzione rapida.

La situazione sta esplodendo: – conclude nella nota – visto che siamo alle soglie dell’approvazione del Piano sociale e dei piani di zona, il rischio concreto è quello di un ulteriore aggravamento.”

Nessun Commento

Inserisci un commento