Invia alla redazione

Centralmente è il tuo quotidiano, entra a farne parte!

Invia un articolo, potresti vedere la tua firma pubblicata sul giornale.


09/23/2018
HomeL'AquilaCronaca L'AquilaL’Aquila, riapertura del Centro Raccolta Sangue della Croce Rossa Italiana

L’Aquila, riapertura del Centro Raccolta Sangue della Croce Rossa Italiana

Dopo una lunga chiusura di sette mesi, ha finalmente riaperto il Centro Raccolta Sangue della Croce Rossa Italiana.

Ieri- 17 luglio- è tornato operativo, grazie a una nuova convenzione stipulata con la Regione Abruzzo e con la ASL 1, il Centro Raccolta Sangue. La struttura si trova in viale della Croce Rossa, n. 14.

Per il periodo estivo sarà aperto: lunedì, mercoledì, venerdì e sabato dalle 8 alle 12; la donazione può essere effettuata dalle 8 alle 10:30.

Il presidente regionale de La Croce Rossa AbruzzoGabriele Perfetti, ha spiegato le ragioni della chiusura: “La temporanea chiusura del Centro è stata determinata da difficoltà nella sottoscrizione della convenzione per le attività trasfusionali con la Regione Abruzzo. Più nel dettaglio, la recente trasformazione giuridica della Croce Rossa da Ente di diritto pubblico ad Associazione privata (Associazione di Promozione Sociale) ha comportato, in un primo momento, l’esclusione della Croce Rossa dalle attività di promozione per la donazione e la raccolta del sangue, con conseguente chiusura del Centro Raccolta Sangue CRI presente a L’Aquila dal 1958. Un’ordinanza del Tar Abruzzo ha recentemente consentito al Comitato Regionale CRI Abruzzo la stipula della convenzione con la Regione Abruzzo per la partecipazione alle attività trasfusionali. La sottoscrizione della convenzione permette, oltre alla riapertura del Centro Raccolta Sangue gestito dal Comitato Regionale CRI Abruzzo, il cui Presidente è il dottor Gabriele Perfetti, anche la partecipazione della CRI all’attività di promozione della donazione del sangue da parte dei 14 Comitati territoriali presenti in Abruzzo (L’Aquila, Sulmona, Avezzano, Carsoli, Teramo, Giulianova, Roseto, Pescara, Spoltore, Penne, Cepagatti, Chieti, Lanciano e Vasto). La Croce Rossa, vista anche la grave carenza di sangue in Abruzzo, è pronta a contribuire attraverso l’attività di raccolta dei suoi donatori, all’obiettivo dell’autosufficienza regionale in modo da assicurare la tutela del diritto alla salute e i livelli essenziali delle prestazioni costituzionalmente garanti.”

Nessun Commento

Inserisci un commento